Disposizioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) – Testamento Biologico

  • Servizio attivo

E' possibile esprimere indicazioni in merito ai trattamenti sanitari e terapeutici che si intendono ricevere in caso di incapacità di scegliere in modo autonomo.


Descrizione

Con la Disposizione Anticipata di Trattamento (c.d. D.A.T. o anche testamento biologico), regolamentata dall'art.4 della Legge 219 del 22 Dicembre 2017, entrata in vigore il 31 gennaio 2018, ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un'eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, può esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari.

A chi è rivolto

Possono depositare una Disposizione Anticipata di Trattamento (D.A.T.), le persone che sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • Maggiore età;
  • Capacità di intendere e volere;
  • Residenza nel Comune di Castelmola.

Come fare

E' importante prima di scrivere una DAT acquisire adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle proprie scelte relative al rifiuto o consenso a determinati accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche e singoli trattamenti sanitari (es. nutrizione artificiale e idratazione artificiale). Non esistono moduli previsti dalla Legge, tuttavia alcuni Comuni hanno predisposto dei fac-simile.

Per la stesura delle DAT ci si può far aiutare da un proprio medico di fiducia così da poter anche ricevere le informazioni sanitarie necessarie per scegliere i trattamenti che si intende accettare/rifiutare in materia consapevole.

La redazione delle DAT può avvenire in diverse forme:

  • dal Notaio (sia con atto pubblico, sia con scrittura privata in cui la persona scrive autonomamente le proprie volontà e fa autenticare le firme dal notaio), in entrambi i casi il notaio conserva l'originale.
  • presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza (con scrittura privata) che provvede all'annotazione in un apposito registro.
  • presso le Strutture Sanitarie competenti nelle regioni che abbiano regolamentato la raccolta delle DAT  (con scrittura privata)
  • presso gli Uffici Consolari Italiani, per i cittadini italiani all'estero (nell'esercizio delle funzioni notarili).

Nel caso in cui le condizioni fisiche del paziente non lo consentano, le DAT possono essere espresse attraverso videoregistrazione o dispositivi che consentano alla persona con disabilità di comunicare.

Nelle stesse forme le DAT sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento. Nei casi in cui "ragioni di emergenza e urgenza impedissero di procedere alla revoca delle DAT con le forme previste dai periodi precedenti, queste possono essere revocate con dichiarazione verbale raccolta o videoregistrata da un medico, con l'assistenza di due testimoni".

La D.A.T. può essere redatta per atto pubblico o scrittura privata (autenticata o meno) recante firma autografa e consegnata personalmente dal disponente presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune di Castelmola.

Si precisa che l'addetto dell'Ufficio ricevente:

  • non è responsabile di quanto dichiarato nella D.A.T. e dei documenti eventualmente ad essa allegati;
  • non partecipa alla redazione della dichiarazione, né può fornire informazioni o avvisi in merito al contenuto della stessa, dovendosi limitare a verificare i presupposti della consegna, con riguardo all'identità, alla residenza del consegnante nel Comune e alla presenza della firma autografa sulla disposizione.

Cosa serve

Per la redazione e predisposizione delle D.A.T. - Testamento Biologico, l'interessato deve dichiarare autonomamente la scelta sui trattamenti sanitari da ricevere; In ogni caso può utilizzare il modello fac-simile predisposto da questo Comune.  La D.A.T. viene depositata insieme alla copia dei:

  • Documenti di identità in corso di validità del disponente e dell'eventuale fiduciario, se nominato.

Cosa si ottiene

L'Ufficiale dello Stato Civile provvederà al deposito sulla piattaforma della Banca dati Nazionale, qualora lo stesso deposito venga espressamente autorizzato dall'interessato.

Sulla base di quanto disposto dal D.M. n.168 del 10.12.2019:

  • a partire dal 1° febbraio 2020, ai fini della trasmissione delle copie D.A.T. alla Banca dati Nazionale, dovrà essere acquisito l'esplicito consenso del disponente, al quale, pertanto, dovrà essere informato di quanto previsto dal Regolamento UE 2016/679 sulla privacy, noto anche come GDPR, relativo alla protezione dei dati personali;
  • le copie delle D.A.T. depositate prima del 01.02.2020, sono state trasmesse alla Banca Dati nazionale entro il 31.07.2020, poiché prive di esplicito consenso del disponente, potranno, su richiesta dello stesso disponente, essere cancellate con le modalità previste dall'informativa resa ai sensi degli artt.13 e 14 del GDPR 2016/679 per il trattamento dei dati raccolti nella Banca Nazionale per le D.A.T.

Possono accedere ai servizi di consultazione delle D.A.T. registrate alla Banca Dati Nazionale, attraverso autenticazione SPID o CNS, il disponente e il fiduciario eventualmente da lui nominato nonché il medico che ha in cura il disponente in situazioni di incapacità di autodeterminarsi ed è chiamato ad effettuare accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche o eseguire trattamenti sanitari sul disponente.

Tempi e scadenze

All'atto del deposito della D.A.T., l'Ufficiale dello Stato Civile consegna una ricevuta al disponente.

Quanto costa

Gratuito

Accedi al servizio

Oppure, puoi prenotare un appuntamento e presentarti presso gli uffici.

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Argomenti:

Pagina aggiornata il 02/05/2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri